Archivi tag: neve

Cosa influenza il limite delle nevicate? Come prevederla?

Oggi io e un piccolo drappello del gruppo Sbombate abbiamo provato a partecipare ad un’ iniziativa riguardante la sicurezza in montagna in inverno organizzata dal CAI Clusone e dal Soccorso alpino. Ebbene sì, abbiamo provato! Al Vareno in pieno gennaio pioveva anziché nevicare e perciò di comune accordo abbiam deciso di rimandare la nostra prova pratica ad un altro giorno. Mentre scendevamo in macchina delusi di questa stagione che non vuol partire, pensavamo: ma cavolo ma come è possibile che il limite neve oggi sia così alto? Tra me e me mi chiedevo: chissà cosa lo determina? E così appena sono arrivato a casa, (pur di non studiare per gli esami di settimana prossima) ho voluto fare una piccola ricerca tra gli articoli scientifici di Aineva.it. Qua sotto cercherò di spiegarvi con le parole più semplici possibili cosa ho scoperto 😉

Continue reading Cosa influenza il limite delle nevicate? Come prevederla?

Global Warming: scenari futuri per la nostra Valle Seriana

Ebbene sì, questa sera miei cari lettori non vi voglio parlare di un’ultima escursione o avventura del nostro team Sbombate ma di un argomento ben più importante: il cambiamento climatico in Valle Seriana. Voglio approfittarne per raccontarvi in parole semplici uno studio fatto qui al politecnico di Milano di come varierà la risorsa idrica nei prossimi anni in relazione agli scenari di cambiamento climatico prospettati dagli scienziati dell’IPCC Continue reading Global Warming: scenari futuri per la nostra Valle Seriana

Rifugio Calvi da Gromo e Monte Madonnino

ore 7:00. Pronti via! Quest’ oggi alla volta del Calvi  in compagnia di Michi, la sorella di Marchino. Preparatevi cari lettori perché la ragazza ha talento e gamba da vendere; sono sicuro che tra pochissimo si inserirà tra le fila del gruppo ( la sua macchina è stata già marchiata 😉 ).

IMG_3858

La zona di Cardeto e del Calvi è nuova per entrambi e siam davvero curiosi. Per documentare un nuovo itinerario scegliamo di partire da Gromo San Marino e attacchiamo con Grinta il 261. Continue reading Rifugio Calvi da Gromo e Monte Madonnino

Pizzo Tre Confini

Data: 29-03-2015

cima Tre Confini
cima Tre Confini

Sarà una delle ultime uscite dell’anno, ma sicuramente una delle migliori! Pizzo Tre Confini!

Partenza alla  “milanese” da Lizzola alle 9.30-10 un po’ per l’ora legale, un po’ perché è domenica e la domenica si vuole dormire e un po’ per non trovare troppa neve ghiacciata nel tratto dopo le piane… fatto sta che, questa volta, Stinky aveva ragione e che come consigliava lui bisognava partire un po’ prima (io sottoscritto Luca Trussardi lo ammetto.)

Nonostante l’ora tarda partiamo con calma e superato con attenzione  (a tratti con gli sci sulle spalle per mancanza neve) il tratto finale delle piane, la valle inizia ad allargarsi e a mostrarci in tutto il suo splendore la zona delle Alpi orobiche.
Risaliamo il versante destro fino a raggiungere le baite di Sasna dove incontriamo una miriade di scialpinisti che “già” tornavano dalla cima e iniziavano la risalita verso il Sasna per chiudere il classico anello lizzola-tre confini-sasna-lizzola.

Prendendo la scusa dell’ora legale facciamo qualche risata con  tutti gli alpinisti che ci “guardavano male” per l’ ora tarda che si era fatta.

A questo punto decidiamo di dividere il gruppo in due parti: davanti parte la delegazione “sbombate” formata da me Fabio e Stinky e alle nostre spalle lasciamo filosofeggiare sul senso della vita  Giulio e Valentina. Partiamo quindi con un passo un po’ più deciso per vendicare l’amara sconfitta alla prima edizione del “Pora senza frontiere”.

Risaliamo l’ultimo tratto ripido con qualche difficoltà vista la neve “remollata” e, indossati per sicurezza i rampanti, raggiungiamo, dal versante che guarda verso la valle Cerviera, la cima.

Vediamo in lontananza Giulio e Valentina che vista l’ora tarda decidono di fermasi e di concederci la nostra “vendetta”.

Dalla cima ci godiamo in completa solitudine il panorama che ci regala questa cima.

Scattate le classiche foto in vetta scendiamo su una neve abbastanza molle per riformare il gruppo e proseguire la lunga discesa verso le piane. Dopo qualche brivido che il nostro fabio ci regala in ogni uscita, proseguiamo a “sracchettate” lungo le piane fino a raggiungere la macchina per poi fermarsi nel primo barettino trovato a bere una meritata media mista.

Presena

IMG_4619[1]Data: 29-11-14

Prima uscita della stagione invernale.
Sveglia presto la mattina, ci alziamo e piove! Decidiamo comunque di partire viste le promettenti previsioni meteo. Arriviamo al passo del Tonale acqua mista a neve, ma inizia a schiarirsi! Il tempo di arrivare (con fatica) all’arrivo della prima cabinovia e tutto il cielo è limpido. In lontananza vediamo la meta: la cima del Presena! Risalito il ghiacciaio e arrivati al passo togliamo gli sci e saliamo verso la cima. Semplicemente spettacolare la vista verso l’Adamello! Scendiamo poi di fretta visto il freddo, ma soprattutto la fame al rifugio sottostante. Dove io (trusso luca) e Stinky ci prendiamo un bello stinco di maiale! Alla faccia degli altri che si prendono un misero primo piatto (scelta della quale si pentiranno amaramente!). Scendiamo poi verso la macchina con un mal di gambe incredibile.

Uscita stupenda! Si inizia alla grande la stagione scialpinistica!

Gita da rifare. Unico consiglio: seguite l’esempio di me e stinky!