Archivi tag: rifugio

Pizzo Redorta

Data: 19-09-2015

Mappa:

Sentiero sia di salita che discesa

I tanto desiderati adesivi targati “Sbombate” son pronti,  abbiamo subito voglia di andare a marchiare qualche vetta, così durante una classica birra al ritmo dei Blues Berries controlliamo il meteo per i giorni seguenti e questa volta proprio il Redorta non ci può sfuggire. Fabio quella montagna l’ aveva già puntata da molto tempo ma dopo una serie di bidoni invernali e non, mai era riuscito a raggiungerla. Continue reading Pizzo Redorta

Sentiero delle Orobie Orientali

Premessa: L’obiettivo di questo articolo non è quello di scrivere una guida completa e tecnica del giro delle Orobie Orientali, ma è solo quello di ricordare questi giorni emozionanti e di consigliare/ illustrare con commenti e foto personali questo fantastico sentiero. Pertanto tempi, difficoltà e “impressioni” sono solamente indicativi e variano logicamente da persona a persona.

Sono passa ti quasi 3 anni da quando abbiamo percorso il sentiero delle Orobie orientali in occasione del tradizionale trekking che il CAI di Clusone organizza ogni anno.
Per me (Luca), Dario e Marco era il primo trekking che affrontavamo e possiamo dire che questo è stato il primo giro del gruppo “Sbombate”.
Gli altri due  sbombati erano ancora dei semi sconosciuti: Fabio era appeso con della corda su qualche crap, mentre Simone era in giro da qualche parte per il mondo… Continue reading Sentiero delle Orobie Orientali

Pizzo Tre Signori

Data: 25 giugno 2015

Per la prima uscita dopo il rientro del “norvegese” decidiamo di andare nelle Alpi Orobiche dei cugini della val Brembana. Sfogliati un po di siti online optiamo per il pizzo Tre Signori che sembra una delle cime più significative delle alpi orobiche occidentali.
Tracciamo sulla cartina uno dei nostri giri ad anello che si rivelerà molto complicato da chiudere e fissiamo la sveglia alle ore 5 da casa (Clusone) per cercare di arrivare in vetta prima delle previste nebbie.

Raggiunta Ornica Continue reading Pizzo Tre Signori

Timogno

Data:  27-03-15

C’è sempre una prima volta anche per una delle tradizionali mete per lo sci d’alpinismo in val Seriana. Questa volta mi fa compagnia il buon Alessandro (Pilli) che, nonostante abbia iniziato il turno di lavoro alle 4 di mattina non molla neanche il pomeriggio e da alpinista esperto (con la tutina nuova) mi tira fino al rifugio Vodala in circa 40 minuti. Ce ne vogliono altrettanti per arrivare in vetta al Timogno. La neve si presenta trasformata al punto giusto per facilitarci la salita (la mattina era ghiacciata) e per regalarci una discesa fantastica fino al rifugio. Tappa per bere la classica media mista e poi giù fino agli spiazzi di Gromo un po’ sciando sulla neve e un po’ sull’acqua. Che dire… non male come prima volta al Timogno!

Pizzo Formico

Data:  23-02-2015

Mappa:

Pizzo formico

Descrizione:
– Partenza dalla spessa con sci in spalla
– Rifugio San Lucio: 40 cm
-Pianone: 80 cm
-Capanna Ilaria: 1 metro
– Salita alla croce del pizzo formico con poca neve (esposizione a sud)
-Traversata sul monte di San Lorenzo : poca neve (esposizione sud)
– Discesa e ritorno a San Lucio e poi macchina

Monte Torena

12

Data: 27/09/2014

Mappa sentieri:

Torena

Descrizione:

Partenza da Valbondione alle 7.15; si prospetta una giornata stupenda… Dopo qualche crisi psicologica, per il lungo percorso da fare, giungiamo alla scorciatoia che ci porta al rifugio curò dopo circa 1 ora e mezza.
La parte più “noiosa” del percorso è fatta, e da qui si vede in lontananza la meta finale: il pizzo Torena. Proseguiamo lungo il sentiero che costeggia il lago per fermarci poi, nel primo posto al sole, a mangiare,qualcuno un bel panino sano, qualcun’altro (vedi foto) alcune sostenza che nuociono gravemente la salute.
Raggiungiamo il rifugio barbellino; la meta è sempre più vicina! Prendiamo il sentiero militare che si alza gradualmente fino al bivio con le indicazioni verso il passo serio. Qui il sentiero diventa a tratti un po’ esposto ma niente di che. Raggiunta la conca, dalla quale si vede il passo serio, si svolta a destra fino alla cresta abbastanza ripida,ma semplice, che ci porta nel giro di mezz’ora all’anticima del pizzo torena.
Si prosegue poi lungo una cresta un po’ esposta, ma semplice per raggiungere la meritata meta. Il cielo chiaro e limpido ci permette di vedere il mondo intero.
Dopo qualche panino e una bella birretta in compagnia, decidiamo di scendere da un canalino che si prende qualche metro dopo la cima. Che dire!discesa fantastica assieme a qualche sasso di troppo! Arrivati in fondo al ghiaione teniamo la sinistra per raggiungere il passo grasso di Pila per prendere il sentiero che ci porta al Barbellino. Da qui poi inizia l’infinita discesa verso i comodissimi sedili della macchina.

-Valbondione- Curò 1 ora e mezza
-Rif. Barbellino 45 min
-Passo serio 50 min
-Cima Torena 45 min
-Rif. Barbellino 1 ora e mezza
-Valbondione 2 ore

Dislivello totale: 2000 m

Note:
Il giro va fatto nel verso indicato, la salita dal canalino è sconsigliata perché troppo franoso

Pizzo Strinato (2836 m)

Data: 08/09/2014

Mappa Sentieri:
Mappa Sentieri
Esito:
negativo, da ritentare

Tempi e sentieri: 
Valbondione-Barbellino: 2h 50
Barbellino-cresta meridionale Strinato: 1h 30

Dislivello totale: 1750 m

Note: Giungendo al rifugio Barbellino si vede sulla propria destra la vetta acuta e suggestiva del Pizzo Strinato. Guardando il Pizzo, leggermente a sinistra si vede una grottina, da lì parte la ferrata, montata pochi anni fa dal rifugista Piffari ritenuta molto bella e non troppo impegnativa. Purtroppo come giungere all’attacco della ferrata non é ben segnalato e se si seguono i bolli rossi ( comunque non troppi) ci si trova sul collettino dietro la vetta, dal quale passa il sentiero normale in cresta, molto esposto e su roccette abbastanza sfaldabili. Nonostante non abbiamo trovato la ferrata ( ci torneremo!) giro molto bello, tranquillo fino al lago naturale e più ripido proseguendo verso la vetta, potendo apprezzare i massi di Verrucano Lombardo ( quasi 300 milioni di anni!), con clasti di quarzo di notevoli dimensioni. Molto consigliabile il bagno rigenerante nel Serio appena nato!